Questo sito contribuisce alla audience di

Filippi

(greco Phílippoi; latino Philippi), antica città della Tracia, 16 km a NW della città greca di Kavála. Sorgeva sul luogo di un'antica colonia di Taso, Crenide, che, minacciata dai Traci, si rivolse per aiuto a Filippo II di Macedonia. Questi sconfisse i Traci e ottenne la cessione dell'intero territorio occidentale a partire dal fiume Nesto; la città prese allora dal re il nome di Filippi (358-357 a. C.) e divenne il centro più importante della zona aurifera del Pangeo (antico nome della catena montuosa della Macedonia fra lo Strimone e il Nesto). Dopo la famosa battaglia la città divenne colonia romana. § Gli scavi della scuola francese hanno rimesso in luce monumenti greci e romani. Le mura ellenistiche circondano l'acropoli, dove sono oggi i resti di un castello bizantino, e si estendono nella pianura. Sul pendio del colle è il teatro ellenistico-romano, ai piedi dell'acropoli il foro di età romana circondato da portici. Vi sono inoltre santuari di divinità romane ed egiziane, le terme, una grandiosa palestra e due basiliche paleocristiane dei sec. IV e V, una delle quali (basilica Derekler) sui resti di un precedente ginnasio del sec. II.

Media


Non sono presenti media correlati