Questo sito contribuisce alla audience di

Fujian

Guarda l'indice

Generalità

Provincia (120.000 km²; 32.990.000 ab. nel 1999; capoluogo Fuzhou) della Cina, nella Regione dell'Est, affacciata a E allo stretto di Formosa e confinante con la provincia di Chekiang a NE, quella di Jiangxi a W e quella di Guangdong a SW. Il territorio è occupato da basse catene montuose orientate da NE a SW e interrotte da brevi corsi d'acqua a esse perpendicolari. Il clima mite e umido e la fertilità del suolo consentono la coltura intensiva, nelle valli e nei delta dei fiumi, di tè, riso, canna da zucchero, tabacco, frutta e arachidi; sono diffusi lo sfruttamento forestale (bambù, legnami pregiati), l'allevamento e la pesca. Dal sottosuolo si estraggono carbone, bauxite e caolino. Le industrie (alimentari, delle ceramiche, del legno, siderurgiche e cantieristiche) sono ubicate nel capoluogo e nelle città di Xiamen, Chuanchow, Nanping, Kienow e Zhangzhou. Anche Fuchien e Foukien.

Cenni storici

Il territorio del Fukien, prima di entrare a costituire l'impero cinese, appartenne ai regni di Yüeh e di Min-Yüeh. Fu poi percorso dall'esercito di contadini in rivolta guidato da Huang Ch'ao (sec. IX) e nel sec. XVI le sue coste furono attaccate dai pirati giapponesi. A partire dal sec. XVII, vi fecero la loro comparsa navi olandesi e spagnole e poi inglesi. All'epoca della conquista mancese, la provincia fu scossa da forti moti antimancesi e successivamente vi si diffuse ampiamente l'attività delle società segrete. Nel sec. XIX rivolte anti-mancesi connesse con quella del T'ai-p'ing esplosero soprattutto nelle città di Foochow e di Amoy. Con la spartizione della Cina in sfere d'influenza, il Fukien prese a gravitare nell'orbita del Giappone che nel 1898 vi ottenne dal governo cinese particolari privilegi e garanzie. Nel 1929, nella parte occidentale del Fukien, fu costituita una base rivoluzionaria stabile. Fu poi sede, nel novembre 1933, di un governo popolare rivoluzionario della Repubblica Popolare Cinese. Dopo l'inizio della Lunga Marcia (autunno 1934) divenne centro di forze partigiane che continuarono la lotta. Tra il 1937 e il 1945 le zone costiere del Fukien furono occupate dal Giappone; liberato nel 1949, fu ancora pesantemente bombardato dalle forze del Kuomintang.