Questo sito contribuisce alla audience di

Gabrièle

(ebraico Gabrî'ēl, il forte di Dio). Arcangelo che “sta alla presenza di Dio” (Luca 1,19), segno della sua alta dignità: al profeta Daniele spiega il senso della sua visione (Daniele 8,16); a Zaccaria annunzia la nascita del figlio Giovanni Battista; a Maria porta l'annuncio dell'incarnazione del Figlio di Dio nel suo seno purissimo (Luca 1,26-38). Maometto afferma nel Corano di aver avuto da Gabriele rivelazioni per scrivere il suo libro. Viene onorato assieme agli arcangeli Michele e Raffaele il 29 settembre.