Questo sito contribuisce alla audience di

Marino (città)

comune in provincia di Roma (24 km), 360 m s.m., 26,10 km², 32.706 ab. (marinesi), patrono: san Barnaba (11 giugno).

Centro dei Colli Albani, in posizione dominante sul lago di Albano. Vari reperti testimoniano l'esistenza di una città romana e di ville patrizie. Tra i feudatari che ebbero il territorio compaiono i conti di Tuscolo, i Frangipane, gli Orsini, i Colonna. Ebbe il titolo di città nel 1835, per intervento di papa Gregorio XVI, dopo lotte e devastazioni durate secoli.⿿ Tra le testimonianze artistiche di epoca barocca è la basilica a tre navate di San Barnaba (1640), che conserva una Madonna del Quattrocento, un crocifisso della scuola del Bernini e altari in marmo policromo. Di rilievo, inoltre, il casino Colonna (con grottesche della scuola degli Zuccari) e il palazzo Colonna, sede del comune. Nell'ex chiesa di Santa Lucia (sec. XII) è ospitato il Museo Civico, con numerosi e pregevoli reperti (di epoca protostorica, romana e medievale) e molti atti notarili.⿿ Nell'agricoltura prevale la viticoltura (vini DOC), accanto alla produzione di frutta e ortaggi. L'industria opera nei settori edile, alimentare, dell'abbigliamento, degli accessori, dei mobili e dei complementi d'arredo; praticate anche la lavorazione del legno, del metallo, del marmo e della pietra. Sono presenti fonti di acque minerali. Numerose le manifestazioni, fra cui la famosa Sagra dell'Uva, con corteo storico; notevole il flusso turistico, favorito da e strutture ricreative e ricettive. ⿿ Nei dintorni sorgono i resti dell'antica città di Boville.

Media


Non sono presenti media correlati