Questo sito contribuisce alla audience di

Montòpoli di Sabina

comune in provincia di Rieti (50 km), 331 m s.m., 37,60 km², 3698 ab. (montopolesi), patrono: san Michele Arcangelo (20 settembre).

Centro della Sabina, alla destra del fiume Farfa. Di origine romana, fu possesso dell'abbazia di Farfa di cui seguì le vicende fino al sec. XVIII. ⿿ Nell'abitato, raccolto intorno a una massiccia torre quadrata, vi è la chiesa di Santa Maria degli Angeli (fine sec. XVI e più volte rimaneggiata); all'interno si trovano cappelle adorne di stucchi e affreschi di V. Manenti. Il Palazzo Comunale conserva pergamene cinquecentesche con decorazioni in miniatura degli Statuti terrae Montisopoli. Nel borgo medievale di Bocchignano sono i resti della cinta muraria e la chiesa di San Giovanni Evangelista: rifatta nei sec. XVI-XVIII, conserva il campanile medievale. ⿿ L'economia si basa sull'agricoltura, che produce cereali, ortaggi, frutta, olive, uva e foraggi per l'allevamento ovino e bovino; notevole la produzione di formaggi tipici e miele. Operano numerosi oleifici e aziende nei settori enologico, edile, degli infissi e della lavorazione della pietra. Notevolmente sviluppata è l'attività turistica estiva ed escursionistica alla Riserva Naturale Tevere-Farfa.