Questo sito contribuisce alla audience di

Morciano di Lèuca

comune in provincia di Lecce (61 km), 130 m s.m., 13,30 km², 3512 ab. (morcianesi), patrono: san Giovanni Elemosiniere (23 gennaio).

Centro del Salentomeridionale nella regione del Capo, tra le Serre Falitte e la costa ionica. Fondato forse nel sec. IX, subì la dominazione normanna, sveva, angioina e aragonese. In seguito appartenne ai Sambiasi, ai Capece e ai Castromediano. § L'antica chiesa matrice di San Giovanni Elemosiniere fu rafforzata alla fine del Cinquecento, epoca in cui fu terminato anche il bel portale barocco. Il castello dei Castromediano, rifatto nel sec. XVI su un forte trecentesco, ha un grosso torrione cilindrico. Le vore di Barbarano, presso l'omonima frazione, larghi e profondi pozzi naturali con pareti invase dalla vegetazione, rappresentano un imponente fenomeno carsico. § L'agricoltura produce olive e uva; praticati sono l'allevamento bovino e ovino e la pesca. Sono attive aziende nei comparti oleario, dell'abbigliamento e della lavorazione dei metalli. Importante il turismo balneare, soprattutto nella frazione di Torre Vado.