Questo sito contribuisce alla audience di

Pio X

(al secolo Giuseppe Melchiorre Sarto). Papa, santo (Riese, Treviso, 1835-Roma 1914). Fu parroco a Salzano, vescovo di Mantova (1884) e, nel 1893, cardinale e patriarca di Venezia. Eletto papa nel 1903, dopo il veto posto dall'imperatore d'Austria alla nomina del cardinale Rampolla, promulgò l'enciclica Gravissimo officii munere (1906), in cui condannava la separazione della Chiesa dallo Stato sancita dalla legislazione francese nel 1904. Poco dopo intervenne contro il movimento monarchico francese dell'Action française da una parte e contro gli abbés démocratiques dall'altra, vedendo in entrambi i movimenti un pericolo per l'obbedienza dei fedeli alla gerarchia ecclesiastica. Gravi furono le conseguenze delle iniziative del pontefice: in Portogallo, la Chiesa vedeva i suoi beni confiscati, le congregazioni soppresse, vescovi e sacerdoti esiliati dal governo repubblicano; in Spagna, le congregazioni religiose, dopo la rottura delle relazioni diplomatiche, trepidavano per la loro sorte; in Germania, liberali e protestanti si scagliavano contro i giudizi di condanna espressi nell'enciclica Editae saepe (1910); in Italia, il papa favorì l'ingresso dei cattolici nella vita politica temperando il rigore del Non expedit (1909), ma condannò la corrente democratica e scomunicò R. Murri. In questo quadro generale non certo propizio all'azione della Chiesa, papa Sarto puntò alla restaurazione della vita cristiana, dettando una nuova disciplina per il clero, insistendo sull'istruzione religiosa, chiamando i laici a cooperare con i vescovi e i sacerdoti all'apostolato (enciclica Fermo proposito, 1905). Frattanto prendeva forme sempre più vistose il movimento del modernismo, che sosteneva la dottrina dell'immanenza e la critica razionalista cercandone l'aggancio con il problema religioso attraverso il sentimento. Di fronte al suo affermarsi anche fra il clero più colto e preparato (per esempio Buonaiuti), Pio X fece emanare una prima condanna con il decreto Lamentabili del Sant'Uffizio, seguito nel 1907 dall'enciclica Pascendi dominici gregis. Ultime opere di Pio X furono la riforma della Curia romana e la compilazione del Codice di diritto canonico. Festa il 20 agosto.

Media


Non sono presenti media correlati