Questo sito contribuisce alla audience di

Scharang, Michael

scrittore austriaco (Kapfenberg 1941). È uno degli esponenti di spicco dell'avanguardia austriaca e ha al suo attivo una produzione molto varia che va dal romanzo al radiodramma e dal saggio critico al documentario. Sostiene il principio che l'artista debba mettere la propria capacità di articolazione a disposizione di chi è condannato all'incomunicabilità. Si è imposto all'attenzione con il volume di poesie Verfahren eines Verfahrens (1969; Procedura di una procedura) e con gli studi poetici Schluß mit dem Erzählen und andere Erzählungen (1970; Basta con la narrativa e altri racconti) in cui annuncia il suo orientamento marxista che si esprime compiutamente nel volume di saggi Zur Emanzipation der Kunst (1971; Sull'emancipazione dell'arte). Testimoniano il suo impegno politico il primo romanzo Charly Traktor (1973) e il secondo Der Sohn eines Landarbeiters (1976; Il figlio di un agricoltore), mentre si arricchiscono di altri elementi, tra cui quello del giallo, il romanzo Der Lebemann (1979; L'uomo di vita) e il racconto Harry. Eine Abrechnung (1984; Harry. Una resa dei conti). Al genere satirico-picaresco si avvicina invece il romanzo Auf nach Amerika (1992; Via verso l'America) in cui affiora il tema della diversa distribuzione della felicità nel mondo. Satirico è anche Bleibt Peymann in Wien oder kommt der Kommunismus wieder (Peymann resta a Vienna o torna il comunismo; 1993), mentre il romanzo Das jüngste Gericht des Michelangelo Spatz è stato pubblicato nel 1998.

Media


Non sono presenti media correlati