Questo sito contribuisce alla audience di

Senufo

popolazione africana stanziata nella regione fra il Burkina e la Costa d'Avoriosettentrionale, dove costituisce importanti minoranze etniche. I Senufo, noti anche come Siena e Syene, costituiscono, parlando una lingua propria, un gruppo isolato tra le genti sudanesi; agricoltori sedentari, erano in origine organizzati in clan matrilineari, oggi in famiglie patriarcali. Tipici i loro grandi villaggi formati da capanne doppie a pianta circolare; notevole la produzione artigianale. Vivi i culti legati all'agricoltura, in particolare del serpente rappresentante la fecondità-fertilità del suolo e delle donne. La ricca tradizione orale si esplica con notevoli rappresentazioni artistiche. § La produzione artistica dei Senufo risente di due differenti influenze: quella naturalistica delle tribù forestali della Costa d'Avorio e quella astratta delle culture sudanesi delle savane. Fra le maschere, che hanno funzioni molteplici, le più note sono quelle con i tratti del volto fortemente stilizzati. Nelle statue, ricorrente è la riproduzione del “gran calao”, un gigantesco uccello il cui lungo becco raggiunge il ventre prominente e le cui ali si spiegano in due rettangoli allungati. Da annoverarsi tra i capolavori della scultura africana sono le imponenti figure lignee della “grande madre”, trattate con le tipiche forme appuntite e aggettanti che rendono inconfondibile lo stile di questa tribù.

Media

SenufoSenufoSenufo
Senufo