Questo sito contribuisce alla audience di

Stampìglia, Sìlvio

librettista italiano (Civita Lavinia, odierna Lanuvio, 1664-Napoli 1725). Visse a Roma, dove fu tra i fondatori dell'Arcadia, a Napoli, a Firenze presso Ferdinando de' Medici, alla corte di Vienna come storiografo e poeta cesareo (1706-18). Scrisse una cinquantina di libretti (per opere, intermezzi, serenate, feste, cantate, oratori), alcuni dei quali per A. Scarlatti, G. B. Bononcini, D. N. Sarro, N. A. Porpora, L. Vinci, A. Vivaldi, L. Leo, J. J. Fux.

Media


Non sono presenti media correlati