Questo sito contribuisce alla audience di

Tèmpio Pausània

Guarda l'indice

capoluogo della provincia di Olbia-Tempio, 566 m s.m., 209,62 km², 14.212 ab. secondo una stima del 2007 (tempiesi), patrono: san Paolo Eremita e Vergine del Buoncammino (prima domenica di settembre).

Generalità

Cittadina della Gallura, di cui è considerata il capoluogo, posta sulla sommità di un poggio a NW del monte Limbara. L'abitato è caratterizzato da una marcata omogeneità architettonica, con edifici riconducibili perlopiù ai sec. XVIII e XIX. È sede vescovile.

Storia

Le numerose costruzioni nuragiche testimoniano l'antichissima frequentazione umana della zona, dove i Romani fondarono Gemellae, principale insediamento della Gallura montana. Il nome della città romana rimase a indicare nel Medioevo una delle curatorie del Giudicato di Gallura, quella di Gemini, di cui Tempio Pausania fu capoluogo. Passata ai pisani con la morte di Nino Visconti e lo smembramento del giudicato (1298), rimase estranea alle lotte fra Arborensi e Aragonesi e proprio sotto la dominazione aragonese (sec. XIV-XV) e soprattutto spagnola (sec. XV-XVII) si sviluppò divenendo il più importante centro della Gallura. Con il passaggio della Sardegna ai Savoia (1720), la cittadina (inclusa nel Marchesato di Gallura, feudo dei Fadriguez-Fernandez) raggiunse il massimo splendore: divenne sede di prefettura (1807), si vide riconoscere il titolo di città (1836) e fu eretta a sede di diocesi (1839).

Arte

La cattedrale di San Pietro, edificata nel sec. XV, fu ricostruita nel sec. XIX; dell'impianto tardoquattrocentesco restano il portale e il campanile. La Biblioteca Comunale ospita il Museo “Bernardo De Muro”, dedicato al noto tenore locale (1881-1955); oltre ai cimeli del cantante, l'allestimento comprende una sezione archeologica e una etnografica. Poco fuori dall'abitato è il nuraghe Maiori.

Economia

Grande importanza nell'economia rivestono la raccolta e la lavorazione del sughero e l'estrazione del granito. L'industria opera anche nei settori meccanico, alimentare, dell'imbottigliamento di acque minerali e della lavorazione del legno. L'agricoltura produce ortaggi, frutta, foraggi e uva da vino (cannonau e moscato e vermentino di Sardegna DOC). È diffuso l'allevamento di ovini, caprini, bovini e bufali. È fiorente il turismo, richiamato dalla mitezza del clima e dalla presenza di stabilimenti termali con acque oligominerali fredde.

Curiosità

A Tempio Pausania ha sede la Stazione Sperimentale del Sughero, che, nata negli anni Sessanta del Novecento, è adesso un istituto di rilievo europeo legato a una delle principali attività della zona. Caratteristico è il Carnevale, che inizia col processo e il rogo di un fantoccio cui vengono attribuite tutte le malefatte dell'anno; i festeggiamenti, con sfilate di carri allegorici, si prolungano per una settimana. La cittadina diede i natali al pittore Francesco Menzio (1899-1979).

Media


Non sono presenti media correlati