Questo sito contribuisce alla audience di

Tomsk (provincia)

(Tomskaja oblast’). Provincia della Russia centrale, 316.900 km², 1.034.137 ab. (stima 2006), 3 ab./km², capoluogo: Tomsk. Confini: Territorio di Krasnojarsk (E), province di Kemerovo, Novosibirsk, Omsk e Tjumen.

Il territorio si estende nel settore sudorientale del Bassopiano Siberiano Occidentale su una regione prevalentemente pianeggiante (Vasjugane) attraversata dal medio corso del fiume Ob che qui riceve gli affluenti Tom, Čulym, Ket Tym (da destra), Parabel e Vasjugan (da sinistra). Tra i laghi, il maggiore è il lago Mirnoe, sulla cui costa sinistra si trova la gigantesca palude di Vasjugan. La vegetazione assume le forme della taiga e della steppa; l'85% della superficie totale è ricoperta di foreste. Il territorio è ricco di risorse naturali: idrocarburi (lignite, torba, petrolio, gas), minerali (ferro, titanio, zirconio), legname (conifere) e sorgenti d'acqua. Il clima è di tipo continentale. Principali attività economiche per gli abitanti (russi, ucraini, tatari) sono l'agricoltura (cereali, patate, tabacco, ortaggi), l'allevamento (ovini e cavalli) e lo sfruttamento forestale e del sottosuolo. Più importante è il settore industriale (raffinerie, industrie petrolchimiche, meccaniche ecc.). Sul territorio la Centrale Nucleare Siberiana. Il capoluogo, sede di una delle più antiche università russe, è noto anche per il centro scientifico dell'Accademia Russa delle Scienze ed è servito da un aeroporto internazionale. Centri importanti, oltre al capoluogo, sono Asino, Čulym e Kolpaševo.

Media


Non sono presenti media correlati