Questo sito contribuisce alla audience di

Turkestan

Guarda l'indice

Geografia

Regione storica dell'Asia centrale, i cui abitanti parlano idiomi del ceppo linguistico turco. Si estende dal Mar Caspio a W fino alle soglie del deserto del Gobi a E ed è limitata a S dalle catene del Kopet-Dağ, del Paropamisus, dell'Hindukush, del Karakoram, del Kunlun e dell'Astin Tagh. Politicamente è divisa tra Kazakistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Tagikistan e Kirghizistan (gran parte del settore occidentale cioè del Turkestan Occidentale) e Cina (Turkestan Orientale); una fascia non molto estesa fa parte dell'Afghanistan. Il Turkestan Occidentale è diviso da quello Orientale dagli impervi rilievi montuosi del Pamir e del Tien Shane comprende una serie di bassopiani steppici o desertici quali l'Aral Karakum, il Kyzylkum, il Karakum e l'Ustjurt; arido e poco abitato, è attraversato da due soli corsi d'acqua importanti, il Syrdarja e l'Amudarja. Il Turkestan Orientale, compreso nella regione autonoma cinese del Sinkiang-Uighur, corrisponde al bacino del fiume Tarim, che racchiude il deserto di Takla-Makan. La popolazione del Turkestan, in prevalenza nomade e seminomade, si dedica soprattutto alla pastorizia, che costituisce l'unica importante attività economica. Anche Turchestan.

Storia

Regione estremamente composita, ebbe vicende storiche solo occasionalmente unitarie. Divisa in due grandi aree dalla catena del Tien Shan e dal Pamir, fu soggetta all'influenza turca nella zona occidentale e cinese in quella orientale. Un tentativo di unificazione fu tentato dai T'ang, da Gengis Khān (sec. XIII) e da Tughlul Timūr nel secolo successivo. Nel sec. XVI Uzbechi, Turkmeni e Kazachi occuparono stabilmente la zona occidentale nella quale dominarono (1731-1876) sino alla conquista russa. Nella zona orientale si imposero gli Uiguri (sec. XI), che diedero alla regione la loro lingua e la religione buddhista. Ma periodiche rivolte si susseguirono, a opera dei musulmani, anche dopo la conquista cinese tanto che, nel 1863 si costituì il regno di Kasqharia indipendente da Pechino. Questo, riannesso in parte alla Cina e in parte ceduto alla Russia (1881) subì soprattutto l'influenza russa. Con il nome di Sinkiang (Nuovo confine) la regione fu presidiata dalle truppe sovietiche sino al 1942. Nel 1949-50 fu riconquistata dalle truppe comuniste cinesi e annessa alla Cina come Regione autonoma degli Uiguri (1955).