Questo sito contribuisce alla audience di

Vajont (torrente e lago)

torrente e lago di sbarramento artificiale nell'alto bacino del fiume Piave, nella zona di confine tra le province di Pordenone e di Belluno. Il corso d'acqua, lungo 14 km, nasce dal Col Nudo, incide una profonda valle (gola del Vajont) tra formazioni calcaree e confluisce da sinistra nel Piave a Longarone; un'arditissima diga, tra le più alte del mondo del tipo ad arco (261,6 m), fu costruita nel 1961 a sbarramento del torrente, dando origine a un bacino idrico di 1687 milioni di m3. Sul versante destro della valle sorgono i centri di Erto e Casso (provincia di Pordenone), collegati mediante la SS 251, di notevole interesse panoramico, con Longarone, nel fondovalle del Piave, e con Maniago, lungo l'alta valle del torrente Cellina. La sera del 9 ottobre 1963 un'immensa frana, staccatasi dal monte Toc, precipitò nel lago proiettando oltre la diga un'enorme massa d'acqua e fango che si incanalò nel tratto terminale della valle scagliandosi contro l'abitato di Longarone, che fu interamente distrutto, e altri centri minori, provocando la morte di quasi 2000 persone.

Media


Non sono presenti media correlati