Questo sito contribuisce alla audience di

didàttica

sf. [sec. XVIII; f. di didattico]. Sezione specifica della pedagogia che concerne i metodi dell'insegnamento. La costituzione di una didattica propriamente scientifica è un'acquisizione relativamente recente e può essere ricondotta al generale accostamento della pedagogia alla metodologia della ricerca scientifica e all'utilizzazione dei risultati di altre scienze dell'uomo, segnatamente della psicologia. Nel complesso possiamo affermare che, almeno in linea teorica, attualmente si è diffuso un nuovo atteggiamento didattico. Si è trasformata l'idea del rapporto docente/discente; gli stessi contenuti dell'insegnamento non sono più considerati statici, ma in continua trasformazione, soggetti a una costante ricerca e a una incessante verifica. Superata l'impostazione idealista gentiliana della “didattica dell'insegnamento”, che riposava sul presupposto secondo il quale il possesso di determinate conoscenze conduce automaticamente alla capacità di trasmetterle e di insegnarle, si è affermata la cosiddetta didattica dell'apprendimento, legata al positivismo sperimentalista e alla didattica dell'insegnamento attivo. Quest'ultimo trova i suoi fondamenti nel pensiero di J. Dewey, É. Claparède, G. Kerschensteiner. La novità dell'impostazione teorica si rileva anche nelle numerose tecniche didattiche che nell'attivismo pedagogico rappresentano vere e proprie forme di esperienza. Il metodo dei progetti elaborato da Dewey e da Kilpatrick, per esempio, risponde all'idea di un'attività pratica da elaborare collettivamente; il metodo globale e i centri d'interesse di Decroly partono dall'esame del processo percettivo e motivazionale dell'infanzia; le varie tecniche cooperativistiche e di gruppo (Freinet, Cousinet, ecc.) rispondono alle esigenze di un'educazione sociale e democratica, formulate soprattutto da Dewey.

Bibliografia

F. De Bartolomeis, Introduzione alla didattica della scuola attiva, Firenze, 1953; O. Wilmann, Didattica come teoria della cultura, Brescia, 1962; A. Aebli, Didattica psicologica, Firenze, 1963; G. Cives, Didattica integrata, Roma, 1967; R. Titone, Metodologia e didattica, Zurigo, 1969; G. Ballanti, La programmazione didattica, Teramo, 1989.