Questo sito contribuisce alla audience di

renga

componimento poetico giapponese costituito, come il termine stesso letteralmente indica, da “poesie legate” tra loro, di poeti diversi. Sorse verso la fine del sec. XII come tanka (poesia breve) o waka (poesia giapponese) dialogata: un poeta ne componeva lo hokku, ossia la “strofa iniziale” formata da tre versi di 5-7-5 sillabe ciascuno, e un altro terminava la poesia con i due versi, entrambi di 7 sillabe, della seconda strofa. Questo era il tanrenga o renga breve. Il modello, per la spontaneità e la godibilità che offriva, piacque tanto da divenire ben presto un vero e proprio gioco poetico a più voci, cioè kasurirenga o renga a catena. Poi la moda cominciò a diffondersi anche al di fuori della ristretta cerchia della colta aristocrazia shogunale e accanto a quello nobile venne a svilupparsi un renga popolare, carico di umorismo, di vis comica: lo haikairenga o appunto renga scherzoso, libero. Quando nel sec. XVII questa tecnica poetica decadde nel manierismo, nel virtuosismo e nella vieta ripetitività, di un haikairenga si cominciò a curare solo la prima strofa, cioè lo hokku: nacque così lo haikuhokku o, per contrazione, lo haikai (o haiku).

Media


Non sono presenti media correlati