Questo sito contribuisce alla audience di

L'azienda

Analisi dei flussi finanziari

La dinamica finanziaria dell'impresa può essere descritta facendo riferimento ai flussi di capitale circolante oppure ai flussi monetari, ossia di cassa (cash-flow). Il primo sistema di lettura individua le forze che provocano una variazione del capitale circolante netto, inteso come somma algebrica di tutte le attività e passività legate alla gestione corrente, la quale differisce da quella usata in sede di calcolo dei quozienti di bilancio, che fa riferimento alle attività e passività a breve. Il secondo sceglie come oggetto di osservazione il livello delle disponibilità liquide (cassa, conti bancari attivi), con il fine di determinare le forze alle quali è dovuta l'espansione o la contrazione subita da tali disponibilità nel corso del periodo in esame.

L'analisi dei flussi finanziari ha per oggetto lo studio delle variazioni intervenute nel periodo negli investimenti e nei finanziamenti, con lo scopo di assicurare le condizioni di equilibrio finanziario e monetario. Si avvale della tecnica dei prospetti del flusso di fondi, il cui scopo principale è quello di indicare, su base storica o prospettica, l'origine dei flussi finanziari e monetari e le relative modalità di utilizzo, permettendo all'analista di riunire in diverse categorie (fonti e impieghi) le variazioni che si sono verificate, o che si verificheranno, nella struttura dello stato patrimoniale e nella consistenza di alcune voci del conto economico.

Si utilizza la stessa tecnica indifferentemente per l'analisi ex ante (preventivi finanziari) e per quella ex post (rendiconti finanziari). Prima di tutto si procede al calcolo delle differenze relative a ogni voce di bilancio, ottenute mediante il confronto di due stati patrimoniali, a seconda dell'intervallo di tempo prescelto; ciascuna variazione può così essere classificata sia come fonte dei fondi sia come impiego dei fondi. Più precisamente, risulterà fonte dei fondi ogni operazione destinata a incrementare il flusso finanziario o monetario, cioè diminuzioni dell'attivo (che presuppone un'alienazione o un realizzo di un credito e quindi un'entrata monetaria) e/o aumenti del passivo. Allo stesso modo, ogni operazione che richiede l'utilizzo di circolante o di denaro risulterà impiego di fondi: cioè aumento dell'attivo o diminuzione del passivo.

È evidente che l'uguaglianza dell'attivo e del passivo sottintende l'uguaglianza tra fonti e impieghi. Le variazioni delle poste patrimoniali vengono successivamente integrate e rettificate da dati desunti dal conto economico e dalla redazione di bilancio al fine di evidenziare la totalità dei flussi finanziari derivanti dalla gestione.

I flussi fondamentali riguardano: il processo di ammortamento, l'ammontare delle indennità di fine rapporto liquidate, l'ammontare degli accantonamenti ai vari fondi di svalutazione, l'eventuale accensione di nuovi mutui e i pagamenti di rate scadute, l'eventuale rivalutazione o svalutazione di cespiti e le variazioni intervenute tra acquisti e cessioni, gli aumenti di capitale oltre che l'eventuale pagamento di dividendi.

Approfondimenti

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia