Questo sito contribuisce alla audience di

Idrozòi

sm. pl. [sec. XIX; da idro-+greco zo(i)on, animale]. Classe (Hydrozoa) di Celenterati, comparsa nel Cambriano, comprendente forme dalla struttura semplice e che generalmente presentano un'alternanza di generazione tra lo stadio di polipo e quello di medusa. Esistono anche specie che presentano esclusivamente lo stadio polipoide o quello medusoide. Sono presenti spesso forme coloniali che si originano per gemmazione; le colonie possono essere sia fisse al substrato sia fluttuanti e natanti. Nelle colonie i singoli individui (idranti) non sono a contatto fra loro, ma uniti da un tessuto canalizzato (cenosarco o idrosoma) che collega tutte le cavità celenteriche; in alcuni casi il cenosarco si ramifica verso l'alto (idrocaule), in altri si estende orizzontalmente sul substrato (idrorriza) così che le colonie assumono forme diverse, spesso di notevoli dimensioni. Il cenosarco è generalmente rivestito da una pellicola morta di sostanza chitinosa, detta perisarco. Spesso nelle colonie si distinguono polipi destinati a funzioni particolari: si hanno così i gastrozooidi che compiono le funzioni nutritive, i gonozooidi per la riproduzione e i dattilozooidi con funzione protettiva o di offesa. Le meduse sono generalmente di piccole dimensioni e provviste di una duplicatura (craspedon o velo) al margine dell'ombrello; sono provviste anche di organi di senso che possono essere sia dei fotorecettori (semplici cellule pigmentate cui giungono terminazioni nervose) sia degli organi di equilibrio o statocisti. Gli Idrozoi, quando è presente solo la forma a polipo, si possono riprodurre sia per via sessuale sia per gemmazione; quando sono presenti sia la forma a polipo sia quella a medusa, la prima si riproduce per via agamica e la seconda per via sessuale. Gli Idrozoi sono prevalentemente marini, ma esistono anche forme di acqua dolce tra le quali le comunissime idre. Alcuni, nella forma polipoide, vivono in simbiosi con altri Idrozoi o con Antozoi. Alcune forme sono poi parassite, mentre in altri casi nelle cellule di alcuni Idrozoi vivono in simbiosi delle alghe unicellulari (zooclorelle o zooxantelle). Appartengono agli Idrozoi gli ordini Idroidi, Milleporini, Stilasterini, Trachiline, Condrofori, Attinulidi e Sifonofori che presentano forme sia fossili sia viventi.