Questo sito contribuisce alla audience di

Lyly, John

scrittore e drammaturgo inglese (Weald of Kent ca. 1554-Londra 1606). Con la creazione di uno stile artistico, l'eufuismo, Lyly diede inizio a quel rinnovamento della letteratura e del teatro inglese che si manifesta verso il 1580 con un più alto livello formale. Divenne famoso a 24 anni con la pubblicazione del breve romanzo Euphues or the Anatomy of Wit (1578; Euphues o l'anatomia dell'ingegno); causa del suo successo non fu tanto il soggetto (che pure suscitò violente reazioni per la satira di Oxford e delle donne) quanto la qualità della prosa ornata e ingegnosamente costruita. Nel 1580 seguì, con l'intento di dissipare le polemiche, Euphues and his England, dal contenuto apologetico nei confronti dell'Inghilterra, delle sue donne e delle sue università. Dedicatosi in seguito quasi esclusivamente al teatro, Lyly applicò anche alle sue commedie in prosa lo stile eufuistico, solo leggermente attenuato, che gli ottenne notevoli successi davanti alla corte. I valori del suo teatro, che anticipa, pur restandogli molto inferiore, lo Shakespeare di Pene d'amor perdute, Molto rumore per nulla e Come vi piace, sono più letterari che drammatici: esso manca di vigore e di movimento e si regge più che sull'intreccio, in genere inconsistente, su un dialogo vivace e ben costruito, anche se artificioso. Incline a svolgere temi mitologici e allegorici, ma non alieno da aperture realistiche, Lyly pose le basi della commedia d'impronta romantica imperniata su fini personaggi femminili. La prima commedia conosciuta di Lyly è Alexander and Campaspe (rappresentata nel 1580 al teatro di Blackfriars e il 31 dicembre 1581 davanti a Elisabetta, pubblicata nel 1584), cui seguirono: Sapho and Phao (prima rappresentazione 1582), Midas (prima rappresentazione 1585), Endimion (prima rappresentazione 1586), le commedie pastorali Gallathea (prima rappresentazione 1587) e Loves Metamorphosis (prima rappresentazione 1600), la farsa d'intreccio Mother Bombie (prima rappresentazione 1590) e The Woman in the Moon (prima rappresentazione 1593 o 1595; La donna nella Luna), l'unica in blank verse.

Media


Non sono presenti media correlati