Questo sito contribuisce alla audience di

Monteleóne di Spoléto

comune in provincia di Perugia (109 km), 978 m s.m., 61,58 km², 681 ab. (monteleonesi), patrono: san Nicola (6 dicembre).

Centro alla sinistra della valle del fiume Corno, affluente del fiume Nera.Di incerte ma antichissime origini, testimoniate da una vicina necropoli, da cui proviene una biga da guerra etrusca con decori raffiguranti scene della vita di Achille (New York, Metropolitan Museum), fu distrutto nel sec. XII e subito riedificato da Spoleto. Libero comune dal 1326, la sua storia si intreccia con quelle di Cascia, Spoleto e della Chiesa. § Tra le principali testimonianze artistiche rimangono la torre dell'Orologio che, aperta da un arco ogivale, dà accesso all'imponente fiancata della chiesa di San Francesco (del Trecento), con torre campanaria, chiostro e contrafforti; i palazzi Bernabò, Bernabei, Congiunti; il portale di Monte Frumentario; la piazza del Mercato. § Di particolare rilievo la coltivazione del farro, la pastorizia, il turismo estivo (in forte ascesa) e le risorse offerte dai boschi assai estesi (funghi e tartufi).