Questo sito contribuisce alla audience di

Pantàlica

(Hybla), stazione preistorica della Siciliasudorientale, situata nei pressi di Sortino (provincia di Siracusa), della tarda Età del Bronzo, che ha dato il nome alla cultura protrattasi fino ai tempi della dominazione greca. Identificata col nome di Hybla, fu sede di un piccolo regno fiorente tra i sec. XIII e VIII a. C. Fu probabilmente distrutta in seguito alla fondazione di Siracusa e alla sua espansione nel retroterra. § Di grande importanza è la scoperta, effettuata da Paolo Orsi nel corso degli scavi da lui diretti alla fine del sec. XIX, dell'anaktoron, un grande edificio residenziale di tipo megalitico, assai simile a coeve strutture egee dell'Età del Bronzo, con magazzini e un'area adibita alla lavorazione del metallo; ceramica micenea d'importazione è d'altronde presente tra i materiali recuperati nella necropoli, che comprendono anche asce, fibule ecc. L'edificio sovrasta dall'alto una delle più spettacolari necropoli siciliane, costituita da circa 5000 tombe del tipo a grotticella naturale, comprendenti sia camere singole sia complesse strutture che si articolano intorno a un vano centrale. Dopo essere stato abbandonato, il villaggio venne riutilizzato in epoca altomedievale come rifugio. A questa fase risalgono la piccola chiesa affrescata (la grotta del Crocifisso) e le rozze abitazioni bizantine.

Media

Pantalica