Questo sito contribuisce alla audience di

Piana Crìxia

comune in provincia di Savona (38 km), 267 m s.m., 29,59 km², 816 ab. (pianesi), patrono: santi Martiri Eugenio, Vittore e Corona (24 aprile).

Centro situato sul versante settentrionale dell'Appennino Ligure, nella valle della Bormida di Spigno. Forse già abitato in epoca romana (tracce di una mansio sono emerse in località Pareta), il territorio fu compreso nella Marca aleramica (967) e appartenne a Bonifacio del Vasto (1091), quindi ai Del Carretto (1142). Nel 1337 fu degli Scarampi di Asti e nel 1419 dei marchesi del Monferrato. Quale feudo imperiale fu annesso al Regno di Sardegna nel 1735. § La parrocchiale barocca dei Santi Martiri Eugenio, Vittore e Corona (1715-65) sorge sul pendio che scende verso il fiume. In località Borgo sono visibili i resti della cinta muraria del castello medievale dei Del Carretto. Il territorio, in gran parte coperto di fitta vegetazione spontanea, è costituito in Parco Regionale e comprende l'area protetta delle Langhe, che vede fenomeni erosivi tipici dei calanchi piemontesi ma rari in Liguria: vi si trova il “fungo di Piana Crixia”, un masso di roccia eruttiva e metamorfica (4 m di diametro). § L'economia si basa su agricoltura (cereali, uva) e allevamento. Sono attive imprese nel settore dell'abbigliamento. È frequentata località turistica.