Questo sito contribuisce alla audience di

Rostov (provincia)

Guarda l'indice

(Rostovskaja oblast’). Provincia della Russia occidentale, 100.800 km², 4.303.546 ab. (stima 2006), 43 ab./km², capoluogo: Rostov sul Don. Confini: Repubblica dei Calmucchi (E), Territorio di Stavropol' (SE), Territorio di Krasnodar (SW), province di Volgograd e Voronež; Ucraina (NW).

Generalità

Si estende nel settore meridionale della parte europea del Paese, su una regione prevalentemente pianeggiante attraversata dal basso corso dei fiumi Donec e Don, dagli affluenti di quest'ultimo, Sal e Manyč, e affacciata a W sul golfo di Taganrog (Mar d'Azov). Sono presenti anche tre grandi bacini idrici: Tsimiljanskoe, Veselovskoe e Proletarskoe. Le foreste coprono solo il 2% del territorio, caratterizzato da fertili terre nere adatte all'utilizzo agricolo. Il clima è di tipo temperato continentale. Risorse economiche per la popolazione (russi, ucraini, armeni ecc.) sono l'agricoltura (grano, semi oleosi, vite), l'allevamento, la pesca e soprattutto lo sfruttamento del sottosuolo (importantissime miniere di carbone a Gukovo, Šahty, Novošahtinsk; e poi materiali per l'edilizia, gas naturale ecc.); le industrie (raffinerie, metallurgiche, meccaniche, alimentari) sono ubicate nel capoluogo e nelle città di Taganrog, Šahty, Novočerkassk, Novošahtinsk, Batajsk, Kamensk-Šahtinski, Gukovo e Azov.

Storia

Il territorio ha visto succedersi numerosi popoli nel corso dei secoli. I primi stanziamenti, citati da Erodoto, videro i Cimmeri occupare il Basso Don. Verso il 700 a. C. gli Sciti, seguiti da coloni greci, cominciarono a stabilirsi a N del Mar Nero, per poi essere scacciati dai Sarmati che arrivarono sul territorio intorno al III sec. a. C. Dopo ulteriori invasioni da parte degli Unni, nella regione si stabilì il dominio dei Khan Cazari; tra il IX e il X secolo vi si stanziarono anche popolazioni slave, e il territorio venne attirato nei domini della Rus' kieviana. Nel XIII secolo fu la volta delle invasioni mongole, cui fece seguito il dominio dei Tatari del Khanato di Crimea e quindi, alla fine del XV secolo, l'occupazione da parte dei Turchi di tutte le terre intorno al Mar d'Azov. Dal XVI secolo cominciarono a insediarsi nella regione alcuni gruppi di Cosacchi, che fondarono nel 1570 la città Čerkassk. A partire da quel periodo iniziò la graduale riconquista del territorio da parte dell'impero russo, conclusa definitivamente solo nell'Ottocento.

Media


Non sono presenti media correlati