Questo sito contribuisce alla audience di

Stepinac, Aloizij

ecclesiastico iugoslavo (Krašic 1898-1960). Completò gli studi di teologia a Roma, dove fu ordinato sacerdote nel 1930. Nominato arcivescovo coadiutore di Zagabria da Pio XI nel 1934, divenne arcivescovo titolare nel 1937. Tenne una politica ambigua nei confronti del movimento degli e della dittatura di Ante Pavelić, schierandosi poi apertamente, a guerra finita, contro i comunisti. Accusato d'aver collaborato col regime di Pavelić, fu condannato alla reclusione. Liberato nel 1951, fu confinato nel suo Paese natale e gli fu vietato di riprendere le sue funzioni. Nel 1953 Pio XII lo nominò cardinale e ciò provocò la rottura delle relazioni tra la Iugoslavia e il Vaticano. Consumato dalla malattia, contratta nel carcere di Lepoglava, morì da prigioniero, a Krašic. Nel 1991, il Parlamento di Zagabria annullò la sentenza di condanna e, nel 1998, a opera di Giovanni Paolo II, Stepinac fu proclamato beato.