Questo sito contribuisce alla audience di

brachicefalìa

sf. [sec. XIX; da brachicefalo].

1) Forma tondeggiante della testa, che si esprime con un rapporto molto vicino a 1 fra la larghezza (distanza fra due punti antropologici posti sui fori uditivi) e la lunghezza (distanza fra glabella, sulla fronte, e opistocranion, sulla nuca). Riferita allo scheletro, si dice più propriamente brachicrania. La brachicefalia è assente in Australia, rara in Africa, predominante nell'Asia nordhimalayana e nell'Asia Minore, fra le popolazioni del centro Europa e fra quelle americane lungo la costa del Pacifico; in Oceania sono brachicefali solo i Polinesiani.Da notare che tutte le forme fossili umane o umanoidi più antiche sono dolicocefale. I più antichi crani fossili brachicefali sono quelli di Ofnet in Baviera e di Borreby in Danimarca, che risalgono rispettivamente a 7000 e 5000 anni a. C.

2) In patologia, malformazione delle ossa craniche conseguente a sinostosi prematura della sutura coronale; il cranio risulta più corto nel suo diametro longitudinale e più largo in quello trasversale.

Media


Non sono presenti media correlati