Questo sito contribuisce alla audience di

cristallo di ròcca

varietà incolore, limpida e purissima di quarzo, detta anche quarzo ialino. In Italia begli esemplari provengono dalla zona di Carrara. § Per la sua assoluta trasparenza, compattezza e mancanza di colorazione trovò largo impiego tanto come gemma (sino dai tempi preistorici) quanto nella produzione di oggetti d'uso intagliati e incisi . La lavorazione si diffuse particolarmente in area mediterranea (ma anche nell'Estremo Oriente), limitandosi, dopo l'epoca carolingia, quasi esclusivamente all'area orientale, con centro in Bisanzio, e alle città islamiche come, per esempio, Alessandria. Nel sec. XIII si riprese a lavorarlo anche in Occidente, e Venezia ne divenne uno dei principali centri di lavorazione e di esportazione. Il cristallo di rocca trovò il suo impiego più esteso e i risultati qualitativi migliori in Italia fra Rinascimento e Barocco, quando artisti come V. Belli, Giovanni dei Bernardi, A. Fontanarachi, i Miseroni produssero molte opere notevolissime. L'arte del cristallo di rocca cadde gradatamente in disuso sul finire del sec. XVII, in seguito all'introduzione del vetro piombico, noto come cristallo.

Media

Cristallo di rocca.