Questo sito contribuisce alla audience di

mascèlla

sf. [sec. XIV; latino maxilla, dim. di mala, mascella, guancia].

1) Ciascuna delle due parti ossee che compongono lo scheletro della bocca e che consentono la masticazione. Nei Selaci le mascelle sono formate esclusivamente da cartilagini pari che sembra siano derivate da archi branchiali modificati. Nella struttura delle mascelle dei Vertebrati Gnatostomi sono, invece, presenti anche elementi dermici. Nei Mammiferi le mascelle e il palato sono formati esclusivamente da elementi dermici. Anche nei Mammiferi, comunque, persistono dei rudimenti degli archi, sebbene completamente trasformati, come gli ossicini dell'orecchio e una parte della scatola cranica. In senso stretto con mascella si indica la parte superiore, non mobile, sulla quale si impianta l'arcata dentaria superiore e che risulta composta dalla fusione di un complesso di tredici ossa: uno impari e mediano, il vomere, e gli altri, pari e simmetrici, mascellare, malare o zigomatico, lacrimale, cornetto inferiore, nasale e palatino. La mascella inferiore mobile, costituita da un solo osso, è detta mandibola: mascella volitiva, molto accentuata; lavorar di mascella, far lavorare, le mascelle, mangiare; fig., non comune, battere le mascelle, battere i denti.

2) In zoologia, appendice pari dell'apparato boccale degli Artropodi, articolata posteriormente alla mandibola. I Crostacei possiedono due paia di mascelle; negli Insetti la fusione del secondo paio di mascelle dà origine al labbro inferiore (labium) negli Insetti; nei Diplopodi sono un solo paio e formano lo gnatochilario; mancano, come pure le mandibole, nei Chelicerati. In senso più generale vengono dette anche le armature boccali di altri Invertebrati, per esempio Nematodi, Cefalopodi, ecc.

3) Ant. e lett., guancia, gota.

4) Tipo di carrucola con cassa aperta.

5) Al pl., con significato estens.: ganascia di tenaglia o di altri attrezzi simili; i due denti più grandi posti alle estremità del pettine; ognuna delle due parti del cane degli antichi fucili a pietra, in cui è racchiusa la pietra focaia.

Media


Non sono presenti media correlati