Questo sito contribuisce alla audience di

ségale cornùta

nome comune della specie Claviceps purpurea, fungo parassita delle Graminacee, responsabile della contaminazione di alimenti confezionati con cereali. L'infezione ha luogo all'epoca della fioritura, quando le ascospore prodotte dal fungo, portate dal vento, si depositano sullo stimma dei fiori, dove germinano. Il micelio del fungo si sviluppa attraverso i tessuti dell'ovario, atrofizzandolo e dando luogo a voluminosi sclerozi, a forma di cornetti (da cui il nome), che si sostituiscono alle cariossidi e alla fine del periodo vegetativo del cereale cadono al suolo, dove svernano. Nella primavera successiva, dagli sclerozi si sviluppano nuove ascospore, che riprendono il ciclo. La malattia non ha gravi conseguenze per le colture, cui provoca danni irrilevanti, ma l'ingestione degli sclerozi assieme al cereale sano è causa di una grave intossicazione per l'uomo e gli animali detta ergotismo). Gli sclerozi sono infatti alcaloidi con effetti allucinogeni e fortemente tossici, i principali dei quali sono l'ergotomina, l'ergonovina, l'ergocristina, l'ergocriptina, l'ergocornina. Gli estratti totali di segale cornuta, o i singoli alcaloidi, vengono largamente usati in medicina e in particolare in ostetricia per la loro energica azione contratturante sull'utero. L'azione allucinogena degli alcaloidi diviene molto più intensa sottoponendo la molecola degli alcaloidi naturali ad azione chimica, depurante le fasi tossiche, come quella che li trasforma nella dietilammide dell'acido lisergico, indicata con la sigla LSD.

Media


Non sono presenti media correlati