Questo sito contribuisce alla audience di

Àlcamo

Guarda l'indice

comune in provincia di Trapani (51 km), 258 m s.m., 130,86 km², 45.763 ab. secondo una stima del 2007 (alcamesi), patrono: Madonna dei Miracoli (19-21 giugno).

Generalità

Cittadina situata alle falde settentrionali del monte Bonifato, nell'entroterra del golfo di Castellammare. Conserva tuttora leggibile nel nucleo antico la struttura a isolati regolari che la città ricevette nel Trecento.

Storia

Fondata dagli Arabi come casale-stazione (Manzil Alqamah) fra due importanti avamposti difensivi lungo la via commerciale che da Palermo portava alla parte sudoccidentale dell'isola, Alcamo fiorì in periodo aragonese. Contesa tra i Chiaramonte e i Ventimiglia, dal Quattrocento divenne feudo dei conti di Modica. Tra i sec. XIV e XVII vi sorsero diversi ordini religiosi e il borgo si trasformò in un importante centro commerciale.

Arte

Diversi sono gli edifici barocchi e tardobarocchi nel centro storico, tra i quali la chiesa intitolata ai Santi Paolo e Bartolomeo, con interno decorato da stucchi e affreschi settecenteschi; la chiesa del Collegio, con tele secentesche; e la chiesa di San Francesco di Paola, in cui è custodito un crocifisso del Cinquecento. Nella piazza dedicata a Cielo D'Alcamo (autore di uno dei primi componimenti poetici in volgare, forse nato ad Alcamo nel sec. XIII) sorge la chiesa di Santa Oliva, edificata nei primi decenni del Settecento da Giovanni Biagio Amico; al suo interno, decorato con stucchi, si possono ammirare la statua della santa, opera di Antonello Gagini (sec. XVI), e altre sculture dei sec. XVI-XVIII. La chiesetta di San Tommaso, originaria del Quattrocento, ha un portale ad arco acuto. La chiesa madre, dedicata all'Assunta, fu eretta nel Seicento su una chiesa trecentesca della quale rimane la torre campanaria; il portale è del 1499. Risale al Trecento il castello dei conti di Modica, a pianta quadrata e con torrioni angolari.

Economia

L'agricoltura produce uva da vino, cereali, olive, ortaggi e frutta. Numerose sono le aziende vinicole, che producono il pregiato vino alcamo DOC. L'industria opera nei settori metalmeccanico, metallurgico, dei filati (cordame) e dei materiali da costruzione (calce e calcestruzzo); permane l'artigianato del ricamo, del ferro battuto e del legno e sono sfruttate alcune cave di travertino. Notevole importanza ha il turismo balneare nella località costiera di Alcamo Marina.

Dintorni

Sulla cima del monte Bonifato sono i resti di un castello citato nel sec. XIV e ricostruito nel Quattrocento dai Ventimiglia; vi si conservano tratti della cinta muraria e la torre detta “Saracena”, pressoché integra.

Media


Non sono presenti media correlati