Questo sito contribuisce alla audience di

Pònto (regione storica)

Guarda l'indice

Geografia

Regione storica dell'Asia Minore, affacciata a N al Mar Nero e limitata dall'Armenia a E, dalla Cappadocia a S, dalla Galazia a SW e dalla Paflagonia a W. In greco, Póntos; in latino, Pontus.

Storia

Satrapia dell'impero persiano già nel sec. VI a. C., nel corso del sec. IV divenne di fatto indipendente con Mitridate I (337-302 a. C.) ergendosi a regno (281 a. C.) sotto il successore Mitridate II. Una costante politica di espansione e di rafforzamento portò in breve il Ponto a inserirsi da protagonista nelle intricate vicende dei regni dell'Asia Minore, per altro come fedele alleato di Roma con Mitridate IV, e ancor più con Mitridate V (150-120 a. C.). Ma l'espansionismo romano nella regione finì per scontrarsi drammaticamente con le mire e le ambizioni di Mitridate VI (132-63 a. C.) culminate nel massacro di 80.000 Italici d'Asia, nella conquista delle isole Egee, di quasi tutta la Grecia (compresa Atene) e nelle conseguenti tre guerre mitridatiche (88-85; 83-81; 74-63) che videro impegnati, per parte romana, generali famosi, come Silla, Fimbria, Murena, Aurelio Cotta, Lucullo, Acilio Gabrione e Pompeo Magno, e conclusesi con il suicidio del re. Il Ponto fu allora diviso tra Bitinia e Galazia. Poi (36 a. C.) venne in parte assegnato a Polemone I (Ponto Polemoniaco) sotto i cui discendenti rimase sino al 64 d. C. Annesso alla Cappadocia, fu infine diviso da Diocleziano in Ponto Polemoniaco e Diosponto.