Questo sito contribuisce alla audience di

Perpignano

Guarda l'indice

(Perpignan). Capoluogo del dipartimento dei Pyrénées-Orientales (regione: Linguadoca-Rossiglione, Francia), 31 m s.m., 116.700 ab. (stima 2004).

Generalità

Città della Francia meridionale, sulla destra del fiume Têt, a breve distanza dalla costa del golfo del Leone e non lontana dal confine con la Spagna. Tradizionalmente definita “la Catalana”, in quanto antica capitale della Catalogna francese, l'abitato reca ancora le tracce della ricchezza e della singolarità che ne hanno accompagnato la storia economica e culturale. Perpignano è anche detta “la Fidelissima” (fedelissima, in catalano), che ricorda la resistenza della città all'annessione al Rossiglione, nel 1474. È sede universitaria specializzata in studi economici, giuridici e turistici, e sede dell'Istituto Francocatalano (IFCT); vi si trovano anche un conservatorio e un Museo di arte e numismatica.

Storia

Di origine romana fu, fin dal sec. XI, la città principale del Rossiglione. Passata in eredità ai re d'Aragona (1172), fu poi capitale del regno di Maiorca (1276-1344). Tornata agli Aragona, fu reclamata da Luigi XI di Francia nel sec. XV e, dopo lungo assedio, cadde nel 1475. Verso la fine del Medioevo, la città fu un importante centro economico che poteva contare su una fiorente industria laniera. Restituita agli Aragona da Carlo VIII, Perpignano rimase legata alla politica spagnola fino al sec. XVII. Durante la guerra dei Trent'anni il Rossiglione fu invaso dai Francesi e, con il Trattato dei Pirenei (1659), Perpignano venne formalmente ceduta alla Francia.

Arte

La città conserva ancora notevoli monumenti medievali e, in parte, l'aspetto di centro commerciale catalano. La cattedrale di St.-Jean, iniziata nel 1324 e terminata nel sec. XVI, è in stile gotico meridionale, con ampia abside inquadrata da cappelle poligonali. Al sec. XIV risalgono anche la fortezza del Castillet e la Loggia, bel palazzo gotico con pianterreno a portico, simile ai broletti italiani. Del Quattrocento è invece il castello dei re di Maiorca, successivamente (sec. XVII) ampliato dal Vauban. Il poderoso forte di Salses (nei dintorni della città), grandiosa opera di fortificazione, risale al 1497. Il museo Hyacinthe Rigaud conserva opere del maestro, nativo di Perpignano.

Economia

Situata sulla strada e sulla ferrovia che collegano le principali città della Francia meridionale a Barcellona, Perpignano è il più importante centro amministrativo ed economico del Rossiglione, un mercato agricolo su cui converge la produzione di vino, frutta e verdura della zona, sede di industrie alimentari, meccaniche, tessili, calzaturiere, della carta e delle ceramiche. Aeroporto.

Curiosità

Quando Salvador Dalì visitò la città, nel 1963, dichiarò che Perpignano era “il centro del mondo”. A ricordo di questa affermazione, nella stazione è stato eretto un monumento al pittore spagnolo sul quale è stata iscritta la celebre frase da lui pronunciata. Tra i festival di musica più interessanti spicca il Jazzèbre, che si tiene ogni anno a ottobre.