Questo sito contribuisce alla audience di

gesuitismo

sm. [sec. XVII; da gesuita]. Spregiativo, ipocrisia, dissimulazione; forma di comportamento ambiguo e falso; anche caratteristica artificiosa di uno stile letterario, in particolare dell'età barocca. Questo significato peggiorativo del termine è da riferirsi alle polemiche sorte nei sec. XVII e XVIII fra rigoristi (fra cui anche i giansenisti) e i gesuiti, fautori in morale di una casistica che indulgeva al probabilismo e al lassismo. I rigoristi trovavano ipocrita il contegno dei teologi gesuiti, che sminuivano, a loro parere, la gravità del peccato con l'uso eccessivo della restrizione mentale e di sottili quanto futili distinguo allo scopo di meglio inserirsi nelle posizioni di potere con colpevoli accondiscendenze. Contro il gesuitismo scrisse con chiarezza B. Pascal nelle lettere note come Le provinciali.

Media


Non sono presenti media correlati