Questo sito contribuisce alla audience di

harem o haram

(anche àrem), sm. [sec. XVIII; dall'arabo ḥarīm, luogo inviolabile].

1) L'area sacra delle due città della Mecca e di Medina e spesso di Gerusalemme. Il termine servì a indicare, nei Paesi musulmani, gli appartamenti delle donne e i loro occupanti, inaccessibili agli estranei .

2) Scherzosamente, il complesso delle amicizie femminili di un uomo.

3) In etologia, l'insieme delle femmine controllate da un solo maschio e che si accoppiano solo con esso. Gli harem possono essere stabili, come nel caso di alcune scimmie, o stagionali, come in molti Cervidi e Bovidi. In genere i maschi combattono per formarsi un harem e per difenderlo dagli altri maschi.

Media

Harem.