Questo sito contribuisce alla audience di

revisionismo

sm. [da revisione].

1) In politica internazionale, la linea diplomatica rivolta a modificare la situazione territoriale fissata da trattati precedentemente sottoscritti. § Di notevole rilievo, per l'intensità emotiva raggiunta e per le conseguenze che ha prodotto, fu il revisionismo sviluppatosi in Europa a seguito dell'assetto deciso nelle conferenze di pace successive alla prima guerra mondiale. Orgoglio nazionale ferito, minoranze etniche deluse, confini spesso insufficienti per rispondere alle esigenze economiche delle popolazioni furono alcuni dei principali motivi che alimentarono roventi polemiche all'interno dei Paesi sconfitti o non adeguatamente remunerati dalla vittoria. L'idea di una “rivincita” si fece strada in molti e favorì il sorgere di un gravissimo clima di tensione internazionale di cui si avvalsero i totalitarismi nazifascisti per tentare di attuare con la guerra i loro ambiziosi progetti di espansione territoriale.

2) Tendenza a “rivedere” una determinata dottrina politica, nel tentativo (o nella pretesa) di renderla conforme alle mutate circostanze della realtà. Nella storia del marxismo, per esempio, il revisionismo ha rappresentato una ben definita corrente ideologica, sorta all'interno della II Internazionale verso la fine del sec. XIX. Precisato da E. Bernstein nell'opera Presupposti del socialismo e compiti della socialdemocrazia e arricchito degli apporti di altri autorevoli esponenti (da K. Kautsky a J. Jaurès), il revisionismo ha inteso adeguare le originarie formule dottrinarie alle nuove condizioni createsi nelle moderne democrazie a elevato sviluppo industriale, caratterizzate da un continuo allargamento della partecipazione alla vita politica delle masse lavoratrici, che parevano rendere superfluo tanto l'imperativo della lotta fra le classi sociali quanto l'impulso verso la conquista rivoluzionaria del potere da parte del proletariato. L'influenza del revisionismo è stata grandissima su tutte le correnti socialdemocratiche dell'Europa occidentale mentre il revisionismo, come dottrina del socialismo riformista, è stato aspramente combattuto dal marxismocomunista.

Bibliografia

I. Bonomi, Le vie nuove del socialismo, Roma, 1944; E. Santarelli, La revisione del marxismo in Italia, Milano, 1964; E. Bernstein, I presupposti del socialismo e i compiti della socialdemocrazia, Bari, 1968; G. D. H. Cole, Storia del pensiero socialista, 1789-1939, Bari, 1968; H. Bloom, Verso una teoria del revisionismo, Milano, 1985.