Questo sito contribuisce alla audience di

ukiyo-e (arte)

(dal giapponese ukiyo; uku, fluttuante, e yo, mondo; la e dà il senso di "pittura del mondo fluttuante"). Forma d'arte fondamentalmente popolare, sorta sullo sfondo delle trasformazioni sociali e culturali dell'epoca Tokugawa e aderente agli ideali della nascente borghesia, l'ukiyo-e, l'arte delle stampe popolari, fu di larga diffusione e di facile accessibilità, con il suo ricco repertorio di immagini ispirate alla bellezza femminile, ai quartieri riservati delle case di piacere, al teatro kabuki, a scene di genere, a vedute di paesaggio, a temi familiari ecc. Le prime stampe xilografiche di gusto ukiyo-e furono elaborate nel sec. XVII sotto forma di illustrazioni per libri; successivamente, prima in bianco e nero e poi a colori, la stampa si affermò come mezzo espressivo autonomo, i cui sviluppi stilistici e tecnici maturarono in un arco di tempo compreso tra il 1660 ca. e il 1765, epoca in cui si diffuse la stampa policroma (nishiki-e). Nel corso di questo secolo si definirono qualità stilistiche e componenti caratteristiche delle differenti scuole ukiyo-e di cui i due ultimi più celebri artisti furono Katsushika Hokusai e Hiroshige, che con le loro moderne vedute di paesaggio realizzarono un importante rinnovamento stilistico. Il periodo più alto dell'arte delle stampe giapponesi è compreso tra il 1765 e il 1800, epoca in cui furono attivi (dopo i grandi del passato come Suzuki Harunobu, Okumura Masanobu, Nishikawa Sukenobu ecc.) Katsugawa Shunshō, Utagawa Toyoharu, Isoda Koryūsai, Torii Kiyonaga, Hosoda Eishi, Kitao Shigemasa e il grande Utamaro Kitagawal'artista giapponese al quale per primo in Occidente fu dedicata una monografia (pubblicata da E. de Goncourt nel 1891). La scoperta delle stampe giapponesi in Occidente, risalente alla metà del sec. XIX, esercitò un'influenza determinante sull'arte europea (dagli impressionisti ai nabis, fino all'Art Nouveau e oltre).