Questo sito contribuisce alla audience di

La misurazione della temperatura

Deve essere eseguita sul malato coricato, a riposo e lontano dai pasti. Gli orari ideali sono le 7-8 e le 16-17. La temperatura può essere misurata esternamente (zona ascellare) o internamente (rettale, vaginale, orale): queste ultime risultano più alte della prima di 0,5 °C. Prima di posizionare il termometro controllare che la colonnina di mercurio sia al livello minimo. Dopo la misurazione riportare il livello del mercurio al minimo e lavare il termometro con acqua fredda e sapone.

Misurazione ascellare:
- porre il bulbo del termometro sotto l'ascella;
- lasciarlo in sede per 5-7 minuti.

Misurazione rettale:
- verificare che la persona abbia evacuato, perché la presenza di feci fa aumentare la temperatura;
- far assumere posizione laterale;
- lubrificare il bulbo del termometro;
- introdurre il termometro con movimento rotatorio;
- lasciare in sede per 3 minuti.

Misurazione orale:
- utilizzare un normale termometro o uno speciale più piccolo;
- porre il termometro sotto la lingua del malato che lo stringe con le labbra;
- tenere in sede per 5 minuti.

Misurazione vaginale o basale:
- utilizzare lo speciale termometro per temperatura basale;
- introdurre il bulbo del termometro in vagina;
- tenerlo in sede per 5 minuti.

Misurazione rettale nel lattante:
- porre il bambino in posizione supina;
- pulirlo se sporco;
- lubrificare il bulbo del termometro;
- prendere i piedi tra pollice, indice e medio come indicato in figura;
- applicare il termometro nel retto tenendo sempre i piedi verso l'alto e controllare a vista la salita del mercurio;
- tenere in sede per 3 minuti o fino a che il mercurio non salga più.

È importante sottolineare che il cervello del neonato e del bambino molto piccolo tollera male gli stati febbrili. È quindi opportuno agire prontamente, evitando che la temperatura salga molto e favorendone la discesa. L'utilizzo di applicazioni fredde quali la borsa del ghiaccio o, meglio, pezzuole imbevute di acqua fredda sul capo, sull'inguine o sotto le ascelle, può essere molto utile. Deve comunque sempre essere avvertito il pediatra.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia

Vai alla sezione Autodiagnosi