Questo sito contribuisce alla audience di

ASEAN

(Association of South-East Asian Nations, Associazione delle Nazioni dell'Asia del Sud-Est), organizzazione internazionale sorta nel 1967 a Bangkok per accelerare il progresso economico e aumentare la stabilità nell'Asia sud-orientale. I Paesi membri sono l'Indonesia, la Malaysia, le Filippine, Singapore, la Thailandia (Stati fondatori), il sultanato del Brunei (dal 1984), il Viet Nam (dal 1995) e, dal luglio 1997, la Birmania (Myanmar), il Laos e la Cambogia, mentre Papua Nuova Guinea ha status di osservatore. Il Segretariato permanente ha sede a Jakarta dal 1976. Il Segretario generale dell'associazione, designato dai Paesi membri, resta in carica due anni. L'ASEAN possiede nove Comitati, che hanno il compito di sviluppare il commercio, il turismo, l'industria, l'agricoltura, i trasporti e l'istruzione. Nel settore industriale gli accordi di cooperazione hanno dato risultati modesti, mentre in quello commerciale si è giunti nel 1992 a un accordo per la creazione, a partire dal 1993 ed entro un periodo di 15 anni, di un'area di libero scambio; in ambito finanziario nel 1980 è stato costituito un organismo comune per il finanziamento di attività manifatturiere, cui nel 1988 è seguita una società di assicurazioni. La crescente integrazione regionale nell'area del Pacifico ha ulteriormente valorizzato il ruolo dell'ASEAN, che, dal 1993, ha dato vita a un nuovo organismo, l'ARF (ASEAN Regional Forum), composto oltre che dagli Stati membri dai loro maggiori partner commerciali (Giappone, Corea del Sud, Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti d'America, Unione Europea). Si è avviata, inoltre, in base all'accordo del 1992, la formazione di una zona di libero scambio all'interno della stessa ASEAN, che si prevede di portare a completa attuazione entro il 2020.