Questo sito contribuisce alla audience di

Irons, Jeremy

attore cinematografico inglese (Cowes, Isola di Wight, 1948). I rigorosi studi teatrali classici, abbinati a una presenza di notevole eleganza, sembrano aver spinto l'attore verso una carriera di protagonista ideale per tragedie e drammi sentimentali. Dopo la prima fase di notorietà esplosa nel 1981 con il televisivo Ritorno a Brideshead e con La donna del tenente francese di K. Reisz, Irons ha optato verso scelte difficili e in qualche caso estreme. Ha fatto parte del cast di Moonlighting (1982) di J. Skolimowski e ha dato vita a un'inquietante coppia di gemelli psicotici in Inseparabili (1988) di D. Cronenberg, di cui ha interpretato anche M. Butterfly (1993). Nel 1990, ha vinto l'Oscar per Il mistero Von Bulow di B. Schroeder, grazie all'impeccabile interpretazione di un aristocratico accusato di uxoricidio. Altro ruolo al limite, quello di un maturo padre di famiglia che si innamora della fidanzata di suo figlio ne Il danno (1992) di L. Malle, mentre, dopo essere stato Kafka (1991) diretto da S. Soderbergh, ha offerto un altro straordinario saggio di recitazione in Waterland (1991) di S. Gyllenhaal. Altri film: La casa degli spiriti (1993) di B. August, Duri a morire (1995) di J. McTiernan, Io ballo da sola (1996) di B. Bertolucci, Lolita (1997) di A. Lyne, Chinese Box (1997) di W. Wong, La maschera di ferro (1998) di R. Wallace, Callas forever (2002) di F. Zeffirelli, And now... Ladies and Gentleman di C. Lelouch (2002), Being Julia (2004) del regista ungherese Istvàn Szabò, Casanova (2005) di Lasse Hallstrom, (2006) di D. Lynch, Appaloosa (2008) di Ed Harris, Treno di notte per Lisbona (2013) di Bille August.

Media


Non sono presenti media correlati