Questo sito contribuisce alla audience di

Nymphenburg

sobborgo nel settore occidentale di Monaco (Germania) dove sorge un importante castello, antica residenza dei re bavaresi fino al 1718. Situato in un vasto parco, fu iniziato nel 1664 da Agostino Barelli per l'elettore Ferdinando Maria e la moglie Enrichetta Adelaide di Savoia. A partire dal 1702 l'edificio fu ampliato da G. A. Viscardi, su progetto di Enrico Zuccalli, con l'aggiunta di due ali e di due padiglioni terminali. Dopo il 1715 Joseph Effner realizzò l'ordine a pilastri della facciata verso il giardino e costruì, nel parco, la Pagodenburg (1716-19; interno con decorazioni a cineserie) e la Badenburg (1718-21). Se il castello di Nymphenburg è un tipico esempio di barocco bavarese, l'Amalienburg, padiglione eretto nel 1734-39 da François Cuvilliés per l'elettrice Maria Amalia, può essere considerato uno dei massimi esiti del rococò europeo. L'edificio, formato da un salone centrale rotondo che si protende all'esterno con una facciata convessa, all'interno è ricco di specchi che moltiplicano la fantastica decorazione rococò color azzurro e argento. Nella città sorse (1761) un'importante manifattura di porcellana, attiva ancora oggi.