Questo sito contribuisce alla audience di

Microeconomia

Massimizzazione del profitto

Per massimizzazione del profitto si intende una linea di azione che rende massima la differenza tra i ricavi totali derivanti dalla vendita del bene o del servizio prodotto dall'impresa e i costi totali sostenuti per la sua produzione. Nella teoria economica prevalente la massimizzazione del profitto viene assunta come obiettivo fondamentale dell'impresa. L'imprenditore si comporta in modo razionale, dunque da homo oeconomicus, se tende a massimizzare il profitto. La logica che sostiene questa ipotesi è semplice e intuitiva. Poiché l'imprenditore (il proprietario) aspira a ottenere un profitto, attraverso la sua attività, è da credere che vedrà le sue aspirazioni realizzate da un grande profitto piuttosto che da un profitto modesto. E anche di fronte a un profitto già molto grande, se scoprisse che con lo stesso sforzo (gli stessi costi) è possibile ottenere una quantità più grande di prodotto e quindi ricavi maggiori, indubbiamente cercherebbe di eliminare gli sprechi e continuerebbe per questa strada finché non risultasse impossibile ottenere ulteriori miglioramenti.

L'ipotesi di massimizzazione è in realtà fortemente semplificatrice. In particolare, presuppone che le scelte dell'impresa siano l'espressione di un'unica volontà coerente e dunque che i suoi manager eseguano accuratamente la direttiva loro impartita in tal senso dai proprietari e che i dipendenti eseguano altrettanto accuratamente i compiti previsti dai loro contratti di assunzione.

In pratica le cose non vanno sempre in questo modo. Vedremo in seguito che cosa comporta per la teoria dell'impresa tener conto di queste osservazioni più realistiche.

Imprese e mercati

Occorre premettere che le imprese non si comportano tutte secondo uno stesso modello. Le imprese molto piccole seguiranno una linea di condotta diversa da quelle molto grandi o comunque in grado di godere di un potere mercato. La grande distinzione, a questo riguardo, passa tra le imprese concorrenziali e quelle che operano in mercati diversi da quello concorrenziale (oligopolio, monopolio, concorrenza imperfetta).

In questo capitolo ci occuperemo di imprese concorrenziali. Ma prima dobbiamo definire che cosa si intende per concorrenza.

Approfondimenti

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia