Questo sito contribuisce alla audience di

gasòlio

Guarda l'indice

Definizione

Sm. [sec. XX; adattamento dell'angloamericano gasoil]. Prodotto ottenuto per distillazione frazionata dei petroli e costituito dalla frazione di questi che, a pressione atmosferica, distilla a una temperatura compresa tra i 250 e i 350 ºC, ossia dopo il cherosene e prima della frazione dalla quale si preparano gli oli lubrificanti. Il gasolio è una complessa miscela di idrocarburi paraffinici, cicloparaffinici e aromatici, di composizione diversa secondo il tipo di grezzo dal quale proviene: il numero di atomi di carbonio di tali idrocarburi è per la maggior parte compreso tra 20 e 30.

Utilizzazioni

Il nome di gasolio deriva dal fatto che questo prodotto veniva utilizzato per ottenerne, per decomposizione termica, il gas per l'illuminazione delle vetture ferroviarie; in seguito il gasolio è stato utilizzato per la depurazione del gas di città. Attualmente è impiegato come combustibile negli impianti di riscaldamento e nei motori Diesel. Il gasolio è per lo più ottenuto dalla distillazione primaria del greggio e in parte da processi di cracking. Se utilizzato per motori Diesel veloci, si tende a ridurre il contenuto in zolfo, in alcuni casi sino allo 0,1%, tramite processi di idrogenazione, per diminuire sia la corrosione dei cilindri sia l'inquinamento esterno. Il numero di cetano, indice della capacità d'ignizione del gasolio, è accettato fino al valore di 25, ma può essere corretto e aumentato con additivi (0,1-0,3% di nitrato di amile) in modo tale da favorire la combustione con aria a rapporti di compressione inferiori, e quindi a temperature inferiori nella camera di scoppio, con conseguente minor logoramento del motore. La stessa volatilità, come per le benzine, può essere corretta per miscelazione con gasoli più pesanti per impedire, specie nei Diesel veloci, la formazione di sacche di vapori nel sistema d'iniezione, soprattutto nel periodo estivo. Importante anche il contenuto in ceneri, particolarmente per i Diesel veloci, perché contribuiscono sia alla formazione di depositi nelle camere sia all'aumento di corrosione, essendo abrasive.