Questo sito contribuisce alla audience di

Andhra Pradesh

Stato (275.045 km²; 71.800.000 ab. secondo una stima del 1994; capitale Hyderabad) dell'India, nel Deccancentrorientale; affacciato al golfo del Bengala a E, è limitato dagli Stati di Orissa, Madhya Pradesh e Maharashtra a N, di Karnataka a W e di Tamil Nadu a S "Per la cartina geografica dell'Andhra Pradesh vedi pg. 86 del 2° volume." . "Per la cartina geografica vedi il lemma del 2° volume." Prevalentemente collinare all'interno (altezza media 500-700 m) dove si estende su una parte dell'altopiano del Deccan e sui Ghati Orientali, digrada dolcemente a E sul golfo del Bengala; ai piedi dei Ghati Orientali si allunga una pianura paludosa (Costa del Coromandel), solcata da numerosi canali importanti per le comunicazioni e l'irrigazione. A N lo Stato è attraversato dal fiume Godavari, che scorre in una conca insalubre e poco popolata, al centro dal fiume Krishna e dai suoi affluenti, a S dal fiume Penner. Il clima, caldo ma mitigato dall'altitudine, è caratterizzato da minime variazioni stagionali e da scarse precipitazioni, che solo nella valle del Godavari e sulla costa settentrionale raggiungono i 1000 mm annui. La popolazione si addensa lungo la costa e nelle alte valli dei fiumi, dove si trovano i centri principali: Hyderabad, Kurnool, Warangal, Vijayawada, Vishakhpatnam, Rajahmundry, Kakinada, Eluru, Guntur, Nellore, ecc. Gli abitanti, di razza dravidica, parlano il telugu e il tamil e professano per la maggior parte l'induismo, in minor misura l'islamismo e il cristianesimo. Alla base dell'economia dello Stato è l'agricoltura, nonostante che i suoli dell'Andhra Pradesh, rossi e lateritici, siano poco fertili. I cereali (riso soprattutto) sono la coltura principale, accanto alla canna da zucchero, ai semi oleaginosi (arachidi, sesamo, ricino, lino), al cotone e al tabacco, di cui l'Andhra Pradesh fornisce i 2/5 del totale nazionale. La scarsità delle risorse minerarie (mica, carbone, ferro, cromite, grafite, magnesite) e la limitatezza delle reti stradale e ferroviaria mantengono l'industrializzazione dello Stato a un livello piuttosto basso: essa conserva ancora un carattere artigianale ed è limitata a stabilimenti per la lavorazione dei prodotti agricoli (oleifici, zuccherifici), a tessitorie (cotone, iuta), a stabilimenti chimici e petrolchimici, a cementifici e vetrerie.