Questo sito contribuisce alla audience di

Còo

Guarda l'indice

Generalità

Isola greca (290,28 km²; 19.244 ab., stima 2005) del mar Egeo, nel gruppo delle Sporadi Meridionali (arcipelago del Dodecaneso). Si eleva all'interno fino a 846 m, allungandosi in direzione NE-SW all'imbocco del golfo omonimo, profonda insenatura della costa anatolica, racchiusa tra le penisole di Alicarnasso a N e di Resadiye a S. Agricoltura e pesca. Turismo. I centri più importanti sono Coo , Hágios Fōkás e Antimácheia. Anche Cos; in greco, Kos.

Storia

Popolata da Greci micenei, fu poi colonizzata dai Dori provenienti da Epidauro e fece parte perciò dell'esapoli. Entrò nella Lega Delio-Attica (477 a. C.) per opporsi ai Persiani. Dal 357 al 355 a. C. lottò contro Atene e poco dopo cadde in mano a Mausolo, principe di Alicarnasso. Nel 309 a. C. passò sotto i Lagidi e, come base navale dell'Egitto, godette in età ellenistica di un periodo di grandissimo splendore. Passata nell'orbita romana, dal sec. II al I a. C. fece parte come civitas libera della provincia d'Asia. Dopo la divisione dell'impero appartenne alla parte orientale prima e poi ai Bizantini. Nel sec. XIV fu acquistata dai Cavalieri gerosolimitani, che la fortificarono; nel 1522 cadde sotto il dominio dei Turchi, ai quali rimase fino al 1912 quando fu conquistata dagli Italiani, per essere annessa, dopo la seconda guerra mondiale, alla Grecia.

Archeologia

Dopo il terremoto del 1933, che distrusse gran parte della città di Coo, i resti sono stati largamente scavati. Oltre al quartiere del porto, con numerosi sacelli e santuari, sono stati rimessi in luce l'agorà lastricata, circondata da un portico dorico, e vari resti della città romana, distribuiti attorno al cardo e al decumano: del teatro, di varie case private ornate di pitture e di mosaici, di chiese e di un battistero paleocristiani. Presso la città è il famoso santuario di Asclepio, sistemato a terrazze, con il tempio e l'altare del dio, la clinica per i malati, la scuola di medicina. Altre aree di scavo, con edifici di varie epoche, sono visibili in diverse località dell'isola (Ziparion, Kapamà, Asfendiou, Astipàlea ecc.).