Questo sito contribuisce alla audience di

Garfagnana

Guarda l'indice

Territorio

Regione storico-geografica (670 km²) della Toscananordoccidentale (provincia di Lucca), estesa su una conca orografica corrispondente all'alto bacino del fiume Serchio, racchiusa a N e a E dalla catena appenninica e a W dalle Alpi Apuane; non ben definito è il limite meridionale, da alcuni posto alla confluenza del torrente Lima nel Serchio, da altri alla confluenza del torrente Ania. Il territorio, prevalentemente montuoso e collinare, coperto da fitti boschi di castagni, è caratterizzato da un asse vallivo principale, cui tributano piccole valli laterali incise dagli affluenti del Serchio. Parte del territorio rientra nell'area protetta del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano.

Popolazione ed economia

La popolazione è in diminuzione, per via della scarsa offerta di attività economiche dovuta alle caratteristiche morfologiche del territorio inadatte agli insediamenti agricoli o industriali. È praticato l'allevamento ovino. Le poche industrie sono attive nei settori estrattivo (marmo delle Alpi Apuane), cartario e dei laterizi, e si concentrano a Castelnuovo di Garfagnana (già capoluogo della Garfagnana Estense), Barga (già capoluogo della Garfagnana Lucchese), Gallicano e Coreglia Antelminelli. Nel territorio sono presenti centrali idroelettriche. Il fondovalle è percorso dalla SR 445 e dalla ferrovia. Le bellezze naturali ancora incontaminate rappresentano un'attrazione per gli amanti della natura e dell'escursionismo e costituiscono quindi un forte potenziale di sviluppo turistico.

Storia

Anticamente abitata da Liguri, fu conquistata dai Romani che la congiunsero alla colonia di Lucca (180 a. C.). Nel sec. XII, dopo essere stata feudo di diverse famiglie, soggiacque a Lucca, che fu costretta, nel 1185, a cederla a Federico Barbarossa. Nel 1248 Federico II, dopo averla disputata a papa Gregorio IX, finì con il lasciarla ancora a Lucca. Nel sec. XIV la Garfagnana fu spartita tra Firenze e i Malaspina finché, dal 1429, subì in gran parte l'espansionismo estense. Da allora la storia della Garfagnana (sino al 1847, anno in cui Modena assorbì le vicarie lucchesi), divisa in una parte lucchese e in un'altra estense, seguì le sorti dei rispettivi Stati. Dall'unità italiana la Garfagnana fece parte della provincia di Massa; ma nel 1923 tornò a Lucca. Tra il 1944 e il 1945 in Garfagnana unità partigiane e forze alleate contrastarono aspramente tedeschi e fascisti.