Questo sito contribuisce alla audience di

Mandingo

gruppo etnolinguistico comprendente varie popolazioni (Malinke, Bambara, Khassonke, Soninke, ecc.), per un complesso di oltre 20 milioni di individui, assegnati alle genti di stirpe sudanese. Stanziati in una vasta area dalla costa atlantica al Niger fino al sahel sahariano, i Mandingo detti dalla loro lingua anche Mande, sono fra le genti più attive dell'Ovest africano, fondatori di grandi Stati (per esempio gli imperi di Ghana, del Mali e Songhai). Agricoltori sedentari in origine organizzati in clan matrilineari, per influenza islamica hanno elaborato una sorta di organizzazione sacro-politica patriarcale, non di rado con strutture feudali. Gli influssi islamici sono vivi anche nelle credenze religiose ma non hanno sostanzialmente alterato, come del resto il più recente cristianesimo, i riti animistici tradizionali. Tipicamente africane sono le loro manifestazioni artistiche, caratterizzate da manufatti in legno, avorio, bronzo e ferro, e da raffinate sculture in pietra, uno dei pochi esempi dell'intera Africa; tale produzione ha dato origine a un vivace artigianato diffuso in tutto il mondo. I Mandingo hanno in parte, soprattutto nelle città, adottato costumi francesi, diffondendosi sempre di più il modello di vita occidentale; nelle campagne perdurano, tuttavia, molte delle antiche usanze: la grande famiglia matrilineare, l'autonomia tribale basata sul collettivismo della terra, i riti iniziatori per ragazzi e ragazze (seppur modificati nel cerimoniale) e un ricco folclore tipico per ogni gruppo tribale.

Media


Non sono presenti media correlati