Questo sito contribuisce alla audience di

ditirambo

sm. [sec. XVI; dal greco dithýrambos, tramite il latino dithyrambus]. Canto corale della lirica greca. Composto e cantato, con accompagnamento di danze, in onore di Dioniso, celebrava le sue avventure, tristi o liete. Sviluppatosi in forma dialogica, tra i sec. VI e V a. C., è messo in relazione con la nascita della tragedia greca. Nelle letterature moderne il ditirambo riprese dell'antica forma solo il generico concetto dell'ebbrezza e della festosa libertà conviviale, sostenendosi col ritmo sfrenato dei versi sciolti e curiosi giochi di rime. Comparve tra le rime del Chiabrera, ebbe la sua consacrazione nel del Redi e più tardi fu ripreso da Nietzsche (Ditirambi di Dioniso) e D'Annunzio (Alcyone).

Media


Non sono presenti media correlati