Questo sito contribuisce alla audience di

heròon

sm. [sec. XX; dal greco herṑon, da herṑos, di eroe, eroico]. Nella Grecia antica, la tomba di un eroe destinata al culto e quindi partecipante delle caratteristiche architettoniche del monumento funerario e del tempio. Per quanto riguarda l'età micenea e greca arcaica possono definirsi heròa i recinti funerari che racchiudevano sepolture collettive, per lo più dinastiche o gentilizie, come le tombe reali di Micene racchiuse entro recinti circolari (circoli A e B) e le tombe arcaiche poste entro recinti rettangolari e triangolari recentemente scoperte a Eretria. Comunemente però si dà il nome di heròa a tombe monumentali del mondo greco e asiatico, come molte tombe architettoniche della Licia, come lo heròon di Gjölbashi-Trysa con tombe entro un recinto decorato da un fregio scultoreo, oppure il “monumento delle Nereidi” a Xanthos, della fine del sec. V a. C., in forma di tempietto ionico su alto basamento, con statue di Nereidi negli intercolumni. Da questo tipo di monumento funerario derivò il celebre Mausoleo di Alicarnasso (metà sec. IV a. C.), gigantesco heròon del dinasta Mausolo, con colonnato ionico su alto basamento con fregio scultoreo e coronamento piramidale a gradini. Questo tipo di costruzione funeraria continuò nel tardo ellenismo, per esempio nel mausoleo di Mylasa in Caria, con colonnato corinzio su basamento quadrato. Heròa in forma di tempietti si ritrovano a Magnesia sul Meandro, Priene, Coo, Cirene, ecc. Tipico esempio di heròon tardoellenistico è quello di Calidone in Etolia, databile nel sec. I a. C. e formato di varie stanze attorno a un peristilio e da una cripta funeraria con sarcofagi. Nella stanza maggiore le pareti erano decorate con tondi a rilievo raffiguranti eroi delle leggende calidonie. In Occidente esempio di heròon tardo-ellenistico è la cosiddetta “tomba di Terone” ad Agrigento, con cella funeraria in forma di tempietto ionico pseudoperiptero su alto basamento . La tradizione architettonica degli heròa ellenistico-orientali fu, assieme a quella etrusco-italica, una delle componenti dell'architettura dei monumenti funerari romani.