Questo sito contribuisce alla audience di

Turìngia

Guarda l'indice

(Thüringen). Stato confederato (Land) della Germania centrale, 16.172 km², 2.373.157 ab. (stima 2004), 147 ab./km², capitale: Erfurt. Confini: Sassonia-Anhalt (NE), Sassonia (E), Baviera (S), Assia (W), Bassa Sassonia (NW).

Generalità

Regione storica della Germania centrale, fu marca di frontiera durante il Medioevo; l'elemento paesaggistico dominante è il manto forestale nella Selva di Turingiafondamentale per l'importante industria del legno.

Territorio

La Turingia è attraversata in direzione NW-SE dai rilievi boscosi della Selva di Turingia. Il versante sudoccidentale digrada con molli ondulazioni alla valle dell'alto Werra, delimitata a W dal Rhön, di cui appartiene alla Turingia buona parte del settore settentrionale; pendii piuttosto dolci presenta anche il versante nordorientale, inciso dalle valli di parecchi corsi d'acqua tributari dell'Elba. Nella regione, caratterizzata da uno sviluppo urbano policentrico, manca un vero polo urbano attrattivo, e quindi il territorio tende a essere polarizzato dalla vicina Lipsia. Le città principali sono Erfurt, Gera, Gotha, Jena, Suhl, Eisenach, Mühlhausen, Arnstadt, Weimar, Saalfeld e Meiningen. Tra l'asse Renano e i Länder orientali, la Turingia è collegata a W con Fulda e Francoforte e a E con Lipsia e Dresda attraverso vie di comunicazione ferroviarie e autostradali. Erfurt è sede di aeroporto.Nel territorio della Turingia è presente il Parco Nazionale di Hainich, istituito nel 1997.

Economia

Le maggiori risorse economiche sono l'allevamento ovino, bovino e suino, l'agricoltura (patate, cereali, foraggi e barbabietole da zucchero), lo sfruttamento del bosco, l'estrazione di sali potassici, di lignite e di minerali di ferro e l'industria (settori metalmeccanico, chimico, alimentare, dell'ottica e della meccanica di precisione). Importante lo sviluppo del settore turistico, in Turingia vi sono molte località termali e stazioni sciistiche; Weimar, città dove visse Goethe, è sede di un'antica università e fu una delle capitali della Germania.

Storia

Regno tributario degli Unni nel sec. V, nel VI fu sottomesso dai Sassoni e dai Franchi, che lo divisero in ducati e contee. Nell'804 Carlo Magno vi istituì la marca di Turingia, infeudata dal sec. X al XIII ai Ludovingi e poi ai Wettin, che la spartirono tra le due linee, ernestina e albertina, e in diversi ducati. Negli ultimi secoli del Medioevo la Turingia subì l'influenza delle abbazie renane, che vi promossero un forte sviluppo agricolo, su cui incise nel sec. XVI la “rivoluzione dei prezzi”, e i suoi contadini si mostrarono particolarmente combattivi. Sconvolta e saccheggiata nella guerra dei Trent'anni, la Turingia perse quasi metà della popolazione, ma nel corso dello stesso secolo vi si svilupparono nuove industrie. Divisa da allora nei diversi ducati sassoni, oltre che nei domini di Reuss e Schwarzburg, fu unificata nel Land di Turingia nel 1920. Nel 1946 venne incorporata, come Stato regionale, nella Repubblica Democratica Tedesca; dal 1990 costituisce un Land della Germania unificata.