Questo sito contribuisce alla audience di

Rif

Guarda l'indice

Generalità

Catena montuosa del Marocco settentrionale, estesa parallelamente alla costa mediterranea dallo stretto di Gibilterra fino al corso inferiore del fiume Moulouya, presso il confine algerino. Disposto ad arco, con la concavità rivolta verso la Penisola Iberica, alle cui catene più meridionali si collega geologicamente, il Rif domina a W la pianura del Rharb e a S il “corridoio di Taza”, che lo separa dal Medio Atlante, e raggiunge le massime altitudini nei monti Tidirhine (2456 m) e Khmès (2170 m). Costituito da un allineamento costiero di rocce paleozoiche, alto poco più di 1000 m s.m., cui seguono verso l'interno una zona di ampie vallate e una serie di balze argillose, il Rif è complessivamente la regione marocchina che gode di maggiore umidità Particolarmente umido, ricco di pascoli e boschi e stabilmente popolato, è il versante atlantico, più secco invece quello mediterraneo; quasi steppico si fa poi il paesaggio nelle regioni interne che risentono dei venti sahariani. Anche Riff.

Storia

Dopo la diffusione dell'Islam (sec. VII-VIII) la regione rimase a lungo ostile a qualsiasi penetrazione esterna sia politica sia religiosa. Si oppose infatti tenacemente alla Spagna che nel 1490 aveva occupato Melilla tentando poi di estendere la sua influenza anche verso l'interno. Solo nel sec. XX, con il protettorato franco-spagnolo sul Marocco (1912), il Rif fu assegnato alla Spagna; la conquista effettiva, però, tentata nel 1921 dai generali Berenguer e Silvestre, si risolse per gli Spagnoli in una grave sconfitta a opera di ʽAbd al-Krīm, che divenne il prestigioso capo della resistenza proclamando una repubblica indipendente del Rif, per la quale ottenne aiuti dalla III Internazionale. Nell'autunno 1924 le forze di ʽAbd al-Krīm avevano costretto gli Spagnoli a ripiegare su Melilla, Larache, Tétouan, mentre occupavano alcune posizioni già controllate dai Francesi. Il governo francese inviò allora rinforzi, al comando del generale Pétain, mentre concertava un piano d'azione con la Spagna che fu realizzato con successo nell'autunno 1925 e nella primavera seguente. Alla fine di maggio del 1926 ʽAbd al-Krīm si arrese, mentre Francia e Spagna assumevano il completo controllo delle zone rispettive.